Le 10 bufale su facebook diventati virali

condividi su:

I social sono pieni di notizie inventate dai blogger il cui scopo e guadagnare e non informare, alcuni anche rubare dati con virus, o ancora ottenere “mi piace” alla pagina fan ma anche per fare scherzi o creare scompiglio.

Esistono anche siti specializzati in bufale come PINIBOOK e MAGNAROMAGNA dove poter creare la propria notizia bufala.

Bufale che diventano virali e girano le bacheche di tutto il mondo, magari anche nei mass media.

Ecco le 10 bufale più comuni a cui non credere:

dynbko-720x280

IMG_34676907598924

C_4_articolo_2077424__ImageGallery__imageGalleryItem_3_image

  • Infezione usando lo shampoo Nivea

infezione shampoo nivea bufala facebook

  • «Attenzione, WhatsApp sta per diventare a pagamento: condividi questo messaggio con tutti tuoi amici per essere segnalato come ‘utente attivo’». Un classico delle bufale. A volte il soggetto cambia e diventa Faceboook, o Twitter o un altro servizio particolarmente popolare. Ma è sempre tutto falso e accuratamente smentito

whatsapp-a-pagamento-170x90

  • La proposta del Ministro Kyenge di usare i cani e i gatti per sfamare gli immigrati.

kyenge-lercio-animali-immigrati-12-170x90

  • E’ morto Macaulay Culkin

Macaulay-Culkin

  • E’ morto Paolo Villaggio

Screenffshot_1

  • Lo sperma di Putin inviato via posta a ogni cittadina russa per fecondarsi

putin-sperma

  • La Sagra del Pompino giunge alla sua terza edizione Capomonte Inferiore

download (16)

 

 

 

 

 

condividi su:

About Gaetano Boncuore

Gaetano Boncuore
Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network