Apple, scoperto virus per Mac e iPhone: infettate 400 app

Apple, scoperto virus per Mac e iPhone: infettate 400 app

6 Novembre 2014 0 di Gaetano Boncuore
condividi su:

Ancora un attacco informatico ai danni di Apple. Dopo la falla in iCloud, il sistema di archiviazione di dati, hacker cinesi sono riusciti a sviluppare un virus in grado di colpire Mac e iPhone. La società californiana ‘Palo Alto Networks’ ha scoperto il malware “WireLurker”, programmato per infettare i computer Apple e che può contagiare anche iPhone e iPad, se vengono collegati con il cavo usb, ha spiegato Ryan Olson, direttore della sezione intelligence informatica di ‘Palo Alto Networks’.

Il virus, secondo gli esperti, proviene da applicazioni, disponibili sull’App Store, sviluppate da hacker di Pechino e avrebbe infettato soprattutto utenti cinesi. Si tratta di circa 400 app, scaricate oltre 350mila volte.

“Non è chiaro quale sia l’obiettivo dell’attacco”, ha sottolineato la società di sicurezza informatica. Il malware avrebbe sottratto da iPhone e iPad “una varietà di informazioni”, in particolare avrebbe consentito di entrare in possesso dei dati della rubrica telefonica e dei messaggi, ma – dettaglio ancor più preoccupante – dell’ID Apple che dà accesso a tutti i dati custoditi sullo smartphone e sul computer e su iCloud. La società di sicurezza informatica ha riferito di aver avvertito Apple un paio di settimane fa e che è la prima volta che assiste a un attacco di questo tipo.

condividi su: