Ayrton Senna, gli occhi immortali del campione

condividi su:

Sono passati vent’anni dalla scomparsa del pilota di Formula 1 morto tragicamente sul circuito di Imola. Era il primo maggio 1994 ma il suo mito vive ancora oggi. Il nostro speciale con foto e video Rai

Campione imprevedibile noto per la cura maniacale con cui preparava le gare, i suoi scontri rivelavano un temperamento forte. A parlare oltre al talento in pista, era il suo sguardo profondo e magnetico che ancor oggi rimane l’emblema di chi lo ricorda.

Lo schianto sul circuito di Imola
Aveva appena 34 anni Ayrton Senna quando il primo maggio del 1994 si schianta alla curva del Tamburello sul circuito di Imola. Mago della pioggia, campione perfetto, a bordo della sua McLaren vince per tre volte il mondiale piloti nel 1988, 1990 e 1991.

I record
Particolarmente veloce sul giro in prova, Senna è stato il pilota, dopo Juan Manuel Fangio, Jim Clark e Alberto Ascari ad aver ottenuto più pole position in rapporto ai gran premi disputati ed è il terzo pilota in classifica per numero di vittorie: quarantuno in tutto, meglio di lui hanno fatto solo Michael Schumacher (91) e Alain Prost (51).

Il campione, le sfide
“La vita è troppo breve per avere dei nemici”, diceva sempre Senna. Ma di rivali ne ha avuti molti. Tra tutti Alain Prost. I loro duelli sono passati alla storia della Formula uno. Tutto è cominciato nel gp di Portogallo nel 1988 quando erano compagni di squadra alla McLaren. Prost accusa Senna di aver compiuto una manovra scorretta mentre entrambi combattevano per la vittoria. Da allora comincia la battaglia: storico lo scontro alla chicane del triangolo nel gp di Suzuka nel 1989 con il mondiale che va a Prost per la squalifica di Senna.

I duelli proseguono quando Prost passa alla Ferrari. Rivali in gara, amici nella vita. A portare la bara al funerale di Senna fu proprio Prost. Di avversari Senna ne ha avuti tanti altri. Dal connazionale Nelson Piquet a Nigel Mansell fino a un giovanissimo Michael Schumacher.

Dal Brasile al tetto del mondo
Figlio di una famiglia benestante di San Paolo, Senna si avvicina precocemente al mondo dell’automobilismo cominciando a gareggiare nei kart all’età di tredici anni. L’esordio in Formula 1 arriva nel 1984 con la Toleman. Nella scuderia inglese inizia a dimostrare il suo talento arrivando secondo al gp di Monaco sotto il diluvio. L’anno successivo passa alla Lotus ma è soltanto alla McLaren che arriva la consacrazione con la vittoria dei tre mondiali. Più volte sfumato il passaggio alla Ferrari Senna chiude la carriera alla Williams quel tragico primo maggio alla curva del Tamburello nel circuito di Imola.

Fonte: http://www.rainews.it

condividi su:

About Gaetano Boncuore

Gaetano Boncuore
Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network