Cecco il Gaudente

condividi su:
5
(2)

Cecco Angiolieri  nacque a Siena, da una famiglia particolarmente benestante, intorno al 1260. Morì, lasciando molti debiti, nel 1313 circa. Il padre era il banchiere Angioliero degli Angiolieri, figlio di Angioliero detto “Solafica”; fu cavaliere, fece parte dei Signori del Comune nel 1257 e nel 1273  e fece il priore ben due volte, appartenne poi  all’ordine dei Frati della Beata Gloriosa Vergine Maria o «Frati Gaudenti». La madre era monna Lisa, appartenente alla nobile e potente casata dei Salimbeni, anch’ella iscritta al suddetto ordine.

Pubblicità

Multe per il coprifuoco.

CeccoAngiolieri  - Cecco il GaudenteSi presume che il giovane Cecco trascorse la sua fanciullezza a Siena, dove ricevette anche una prima educazione. Di famiglia tradizionalmente guelfa, nel 1281 Cecco figurò tra i Guelfi senesi all’assedio dei concittadini ghibellini asserragliati nel castello di Torri di Maremma nei pressi di Roccastrada, e fu più volte multato per essersi allontanato dal campo senza la dovuta licenza. Da altre multe fu colpito a Siena l’anno successivo, l’11 luglio 1282, per essere stato trovato nuovamente in giro di notte dopo il terzo suono della campana del Comune, violando pertanto il coprifuoco .

Coprifuoco: <<quia fuit inventus de nocte post tertium sonum campane Comunis>>

Un ulteriore provvedimento lo colpì nel 1291 in circostanze analoghe; oltretutto, nello stesS’iFireso anno fu implicato nel ferimento di Dino di Bernardo da Monteluco, pare con la complicità del calzolaio Biccio di Ranuccio, ma solo quest’ultimo fu condannato.

Fino a qui si comprende che fosse un gaudente e molto raccomandato

Il rapporto con Dante

Rappresentazione della Battaglia di Campaldino 696x483 320x222 - Cecco il Gaudente Militò come alleato dei fiorentini nella campagna contro Arezzo nel 1289, conclusasi con la battaglia di Campaldino; è possibile che qui abbia incontrato Dante Alighieri, che pure figurava tra i combattenti dello scontro. Il sonetto 100, datato tra il 1289 e il 1294, sembra confermare che i due si conoscessero, in quanto Cecco si riferisce a un personaggio che entrambi dovevano ben conoscere

 

Lassar vo’ lo trovare di Becchina, / Dante Alighieri, e dir del mariscalco

questo mariscalco vanesio tra le donne fiorentine, anch’egli impegnato a Campaldino, è stato identificato con un tal Amerigo di Narbona,

«giovane e bellissimo del corpo, ma non molto sperto in fatti d’arme» Dino Compagni, Cronica delle cose occorrenti ne’ tempi suoi, I, 7.

Dante 320x239 - Cecco il GaudenteIntorno al 1296 fu allontanato da Siena, a causa di un bando politico. Si desume dal sonetto 102 , indirizzato a Dante allora già a Verona, che in quel periodo Cecco si trovasse a Roma

s’eo so’ fatto romano, e tu lombardo

.Non sappiamo se la lontananza da Siena dal 1296 al 1303 fu ininterrotta. Il sonetto testimonierebbe anche della definitiva rottura tra Cecco e Dante

Dante Alighier, i’ t’averò a stancare / ch’eo so’ lo pungiglion, e tu se’ ‘l bue.

Tuttavia non sono note risposte  dantesche, per cui, se tenzone fra i due vi fu, ci rimane solo la parte composta da Cecco , e non sappiamo se ci sia tutto. Inoltre, nelle opere di Dante, Cecco non è mai nominato, né suoi componimenti sono citati.

La rovina, e i debiti

Nel 1302 Cecco svendette per bisogno una sua vigna a tale Neri Perini del Popolo di Sant’Andrea per settecento lire ed è questa l’ultima notizia disponibile sull’Angiolieri in vita. Proprio per questa ragione si oppose a ogni forma di politica proclamandosi persona libera e indipendente; si ritiene che questa sua imposizione fosse dovuta al bando politico che lo allontanò da Siena.

Dopo il 1303 fu a Roma, probabilmente sotto la protezione del cardinale senese Riccardo Petroni. Da un documento del 25 febbraio 1313 sappiamo che cinque dei suoi figli :Meo, Deo, Angioliero, Arbolina e Sinione; un’altra figlia, Tessa, era già emancipata rinunciarono all’eredità perché troppo gravata dai debiti. Si può quindi presupporre che Cecco Angiolieri sia morto intorno al 1310, forse tra il 1312 e i primi giorni del 1313. La tradizione lo vuole sepolto nel chiostro romanico della chiesa di San Cristoforo a Siena.

S’i’ fosse foco

S’i’ fosse foco è il suo sonetto per eccellenza  Poesia 82 delle Rime secondo l’edizione Marti..

Questa composizione, la più «angiolieresca» del poeta senese appartiene a una secolare tradizione letteraria goliardica improntata all’improperio e alla dissacrazione delle convenzioni; Cecco  è  considerato tra i poeti giocosi[

«S’i’ fosse foco, ardere’ il mondo;
s’i’ fosse vento, lo tempestarei;
s’i’ fosse acqua, i’ l’annegherei;
s’i’ fosse Dio, mandereil’en profondo;

s’i’ fosse papa, serei allor giocondo,
ché tutti cristïani embrigarei;
s’i’ fosse ‘mperator, sa’ che farei?
a tutti mozzarei lo capo a tondo.

S’i’ fosse morte, andarei da mio padre;
s’i’ fosse vita, fuggirei da lui:
similemente faria da mi’ madre,

S’i’ fosse Cecco, com’i’ sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre:
le vecchie e laide lasserei altrui.»

di seguito la versione musicale di Fabrizio De Andrè

Ti è piaciuto questo articolo?

Dagli un voto!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Se hai trovato questo articolo utile...

Condividi sui social!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Faremo il possibile per migliorare!

Franca Maria Pace

Franca Maria Pace

Ho una vita complicata, tra informatica, arte e campagna.... ho come si dice tanti interessi.

commenta questo articolo....

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: