Diffamazione e insulti sui social: da oggi potrebbe essere reato

condividi su:
0
(0)

la diffamazione e gli insulti via social network e in genere su tutto il web sono un fenomeno in rapida crescita, e si potrebbe incorrere a un reato che costa circa 3 anni di carcere.

Di recente un uomo che aveva offeso l’ex moglie e stato condannato a 3 anni di carcere, cosi ha deciso la cassazione, in quanto quelle parole resteranno sul web in eternità( o quasi) in un luogo di pubblico dominio .

Spesso accadono queste vicende sui social, magari perche si ci sente protetti dal monitor e quindi dall’anonimato scatenando atti incivili, ma non si deve dimenticare che anche i social sono un estensione della vita reale e possono rovinare l’immagine di una persona.

Anche il Cyber bullismo oggi molto comune e i post razzisti sono stati vicenda dell’intervento della polizia postale .

Infine concludiamo con un saggio consiglio: i vostri profili rispecchiano voi stessi e quindi anche sul web ci vuole rispetto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Dagli un voto!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto. Lascialo tu per primo!

Se hai trovato questo articolo utile...

Condividi sui social!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Faremo il possibile per migliorare!

Facci sapere qui sotto cosa non va in questo articolo:

Gaetano Boncuore

Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network

commenta questo articolo....