Droni acquatici per l’ambiente

condividi su:
4
(1)
I  droni acquatici verranno utilizzati per controllare l’inquinamento delle acque di laghi e fiumi . La ricerca italiana ha sviluppato una serie di  dispositivi per controllare lo stato delle acque

Droni acquatici e la  ricerca italiana

I nuovi  droni acquatici  sono stati presentati dal presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Silvio Brusaferro durante la tavola rotonda sul Rapporto ‘The Lancet Countdown on Health and Climate Change’.
I droni, dice Brusaferro, sono frutto del Progetto Europeo Horizon 2020 Intcatch che ha visto anche la partecipazione dell’Istituto Superiore di Sanità, attraverso il Dipartimento Ambiente e Salute, e sono già utilizzati ‘sul campo’. Sono equipaggiati con sensori che possono misurare diversi parametri, come la conducibilità, temperatura, pH, i nutrienti (azoto, fosforo), alcuni metalli, idrocarburi totali.

Tramite un’app apposita, anch’essa sviluppata nel corso del Progetto Europeo Horizon 2020 IntCatch, i ricercatori possono ricevere in tempo reale i dati forniti dai droni acquatici .  “I droni possono aiutarci a rilevare l’eventuale presenza di sostanze inquinanti nelle acque dei fiumi e a decidere come intervenire”, spiega Brusaferro. Collaborando alla realizzazione dei droni, i ricercatori italiani si sono occupati principalmente della “validazione” dei dati prodotti da un laboratorio portatile miniaturizzato in grado di eseguire sul campo analisi metagenomiche e fornire in tempo reale informazioni in tempo reale sul microbioma di un lago o di un fiume, inclusa la presenza di eventuali agenti patogeni.

In tanzania , in un villaggio sull’isola di Zanzibar i droni acquatici aiuteranno la popolazione nella lotta alla malattia: un liquido a base di silicone verrà spruzzato attraverso un drone sulle grandi distese di acqua stagnante nelle risaie.

Il drone spia in questo caso è un’ottimo alleato per identicare il problema e poi nel caso attuare una cura.

“Il drone può darci informazioni molto utili sia sull’eventuale presenza di inquinanti sia su come eventualmente intervenire”. Silvio Brusaferro

 

 

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Dagli un voto!

Voto medio 4 / 5. Conteggio voti: 1

Ancora nessun voto. Lascialo tu per primo!

Se hai trovato questo articolo utile...

Condividi sui social!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Faremo il possibile per migliorare!

Facci sapere qui sotto cosa non va in questo articolo:

Franca Maria Pace

Ho una vita complicata, tra informatica, arte e campagna.... ho come si dice tanti interessi.

commenta questo articolo....