Facebook lancia il pulsante “dona”. Polemiche su Zuckerberg: “Tu quanto dai?”

condividi su:
0
(0)
Sul social network un’iniziativa per sostenere la lotta all’Ebola. E il fondatore replica alle critica: “Solo io ho dato 25 milioni di dollari”

La prima iniziativa lanciata dal social network per antonomasia riguarda in particolare la ricerca e la lotta al virus Ebola.

Nella parte alta della Timeline fa bella mostra da oggi anche in italia un messaggio in cui si chiede di donare denaro a organizzazioni internazionali come l’International Medical Corps, l’International Federation of Red Cross e Save the Children. Facebook sta inoltre lavorando con Unicef per diffondere informazioni sui sintomi della malattia e collaborando con NetHope per fornire assistenza e servizi agli operatori sanitari che si trovano nei tre Paesi più colpiti: Liberia, Sierra Leone e Guinea.

Una novità che comunque non è piaciuta a tutti. Qualcuno ha anche chiamato in ballo lo stesso Facebook chiedendosi se un colosso del genere doni a propria volta, oltre a invitare i propri utenti a farlo, o se l’iniziativa sia solo un’operazione di marketing. Ha risposto lo stesso Mark Zuckerberg: “Io ho donato personalmente 25 milioni di dollari e Facebook spende milioni di dollari perché ci sia connessione a Internet nelle regioni contagiate”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Dagli un voto!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto. Lascialo tu per primo!

Se hai trovato questo articolo utile...

Condividi sui social!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Faremo il possibile per migliorare!

Facci sapere qui sotto cosa non va in questo articolo:

Gaetano Boncuore

Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network

commenta questo articolo....