fantascienza

Fantascienza che diventa realtà: 8 oggetti che oggi esistono

condividi su:

Oggetti immaginati e visti solo nei film, e nei cartoni di fantascienza, che non potranno mai esistere… o almeno si pensava!

Infatti molte tecnologie degli anni 80 viste solo in TV, quando si pensava fossero solo fantascienza, è irrealizzabili, oggi esistono e sono alcuni di uso comune.

Il blog di Radio DeeJay in collaborazione con   il mio libro Fiction&Comics ha stilato almeno 8 di questi oggetti divenuti realtà.

eccoli:

1

Erano un oggetto ad uso esclusivo dei malvagi “Dominion” i Virtual Display, una sorta di occhiali che permettevano di guardare fuori dalle astronavi muovendo semplicemente la testa. Una sorta di schermo virtuale collegato direttamente con il cervello. Non molto distante dal concetto dei Google Glass, che permettono invece di guardare mail, filmati e anche cose non prettamente malvagie.

(foto Kārlis Dambrāns/Flickr)

 

2

Forse non sarà ancor il mezzo più comodo per sfuggire ad un’imboscata di un gruppo di truppe d’assalto dell’Impero. Ma la celebre moto volante di Star Wars ha iniziato a divenire realtà da quando nel 2011 un gruppo di ricercatori inglesi hanno pubblicato su Kickstarter una richiesta di crowdfunding per il loro progetto di “quadricottero” personale, a metà tra una moto e un elicottero.

 

3

Ricordate quelle immagini sospese in aria con cui Tom Cruise faceva rapidissime ricerche con dei guanti speciali per risolvere i misteri di Minority Report? Ebbene la tecnologia degli “schermi” air touch è già esistente, anche se con qualche differenza e varie declinazioni, a seconda dei brand che la stanno sviluppando. In genere il sistema si basa su degli occhiali (un po’ più invasivi dei Google Glass, che pure stanno lavorando ad un sistema di ‘tastiera virtuale’), in grado di riconoscere il movimento delle dita nel vuoto, senza guanti. L’esempio più pubblicizzato è quello della start-up taiwanese ITRI.

 

4

Se ne è parlato molto quest’anno, perché il secondo capitolo della celebre saga di Spielberg era proprio ambientata nel 2015, e quindi in molti si sono chiesti quali di quelle invenzioni sono divenute realtà. Se dovremo ancora aspettare per le auto volanti alimentate con le lattine vuote e, a quanto pare, anche per gli skate volanti, possiamo consolarci con le Nike MAG, le scarpe che si allacciano da sole, prodotte dalla Nike proprio per i super fan di Marty McFly & co.

 

5

Oggi sembra una roba scontata, ma non lo era molto quando nel 1968 Stanley Kubrick e Arthur C. Clarke immaginarono il sistema di “videochiamata”. Anche se il sistema odierno sembra piuttosto meno macchinoso di quello che si vede nel film

 

6

Non è forse proprio la stessa cosa, ma lo ricorda molto. Se nella pellicola con Sylvester Stallone il sesso fisico è diventato ormai una cosa poco igienica, oggi giorno esistono sistemi che ambiscono a miscelare la realtà virtuale con la pornografia. Come nel caso di alcune applicazioni per lo strumento di realtà virtuale Ouculus Rift.

 

7b

Correva l’anno 1870 quando il genio di Jules Verne, considerato padre della fantascienza, mise nero su bianco l’idea del Nautilus, una nave sottomarina dove il mitico Capitano Nemo abitava eleganti stanze, in grado di muoversi “20 mila leghe sotto i mari”. Il Nautilus era un sottomarino a propulsione elettrica, che utilizzava batterie di sodio mercurio. Sebbene allora esistesse già un’interesse militare per le potenzialità di un mezzo navale sottomarino, prima che si arrivasse a qualcosa di simile doveva passarne molta di acqua sotto i… mari.

 

7

Si basano su un principio fisico e sono una tecnologia che sembrerebbe destinata ad affermarsi quella degli ascensori “a vuoto pneumatico”, che sfruttano appunto l’assenza di aria e di pressione per far salire o scendere la cabina.

 

…e poi?

Quali saranno le prossime invenzioni della narrative che potrebbero un giorno più o meno lontano diventare realtà?

 

condividi su:

About Gaetano Boncuore

Gaetano Boncuore
Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network