Menu Chiudi

Gaming e AI: a che punto siamo

Gaming
Immagine

Il ruolo dell’Intelligenza Artificiale all’interno della creazione dei videogiochi è noto da tempo, anche se fino a poco tempo fa si era limitato ad alcuni aspetti in particolare. Il riferimento, ad esempio, va alla creazione di mappe di gioco o all’elaborazione di personaggi secondari funzionali alla trama. Se invece si prende come esempio FIFA, il celebre videogioco dedicato al mondo del calcio, si scopre come l’uso di AI sia molto più datato di quanto si potrebbe pensare. L’Intelligenza Artificiale è infatti sdoganata per quanto riguarda la simulazione di tornei e singole partite, nella classica modalità giocatore contro computer. Quest’ultima è una modalità utilizzata di frequente anche nei giochi online e presto o tardi tutto il mondo del gaming avrà a che fare con l’AI. Questo vale per qualsiasi comparto del settore, sia per i videogame pensati per il gioco su console, con un gameplay e una trama di gioco molto più strutturata, sia per le sale da gioco virtuali, con stanze del live blackjack, del poker o della roulette, sia per le piccole app o browser game. 

I videogame per console sono potenzialmente quelli che potrebbero essere più influenzati dall’AI. Molto infatti potrebbe variare con l’applicazione sempre più massiccia del machine learning, vale a dire quella branca speciale dell’Intelligenza Artificiale che si occupa dell’apprendimento dei dati da parte dei sistemi informatici e della loro possibilità di auto migliorarsi, prendendo decisioni senza il bisogno di un input da parte dell’utente esterno. Le prime applicazioni in tal senso si ritrovano nei personaggi NPC, vale a dire coloro che non vengono utilizzati dal giocatore del videogame ma sono parte integrante dello sfondo, simile al ruolo delle comparse nei film. L’obiettivo, in questo caso, è quello di fornire al giocatore un’esperienza di gioco sempre più immersiva e soprattutto realistica, evitando l’utilizzo di “cartonati” sullo sfondo ma creando personaggi in movimento, capaci di reagire a quanto succede nel corso del gioco.

Gli usi del Machine Learning non si limitano però a questo aspetto puramente visivo ma hanno un risvolto pratico anche per quanto riguarda la creazione di un ambiente sicuro. Appositi algoritmi vengono creati per andare a prevenire tentativi di truffa, ma anche rischi legati al gioco patologico o ancora, identificare casi in cui si verifichino linguaggi offensivi o sessisti.

Se da un lato questo potenziale apre scenari del tutto nuovi nel mondo del videogioco ma, più in generale, a proposito dell’intrattenimento, esiste però anche un rovescio della medaglia. È ben evidente come il limite di queste frontiere non sia più visibile e può andare a rivoluzionare l’intero settore. Il gameplay di un videogioco risulterebbe stravolto, ma anche in questo caso occorrono precisazioni. Dal punto di vista del giocatore, le innovazioni sarebbero senza dubbio positive perché utili a creare un prodotto il più imprevedibile possibile, rendendo ogni singola partita un’esperienza a sé stante all’interno del mondo dei videogiochi. Proprio questo aspetto, tuttavia, risulta essere il grande limite di questa innovazione, che andrebbe a togliere la possibilità di scelta (e di controllo) da parte del creatore del videogioco. Si arriverebbe, infatti, ad un livello di personalizzazione di trama senza eguali nel mondo del gaming, a cui va aggiunto un aspetto su cui si sta lavorando attualmente. L’ipotesi ora al vaglio degli studiosi è quella di fornire ai personaggi una memoria delle azioni commesse all’interno del videogioco, arrivando così ad un miglioramento a dismisura del characters. Rimanendo però a quello che può essere lo sviluppo dell’AI nel prossimo futuro, l’ipotesi più accreditata appare quella del suo uso come assistente personale. L’utente ha così la possibilità di utilizzare suggerimenti e consigli da parte di un algoritmo dalle capacità di calcolo di probabilità molto più veloci dell’uomo, dimezzando il tempo per prendere le decisioni ad esempio.

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici e rimanere aggiornato sui nuovi articoli pubblicati.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici e rimanere aggiornato sui nuovi articoli pubblicati.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *