Giorno dei morti: le tradizioni nel mondo.

condividi su:

Il giorno dei morti si festeggia in tutto il mondo, in giorni diversi per alcune culture, ma tutte onorano i morti.

Ogni popolazione ha la sua tradizione ed è quello che scopriremo oggi.

Giorno dei morti: le tradizioni nel mondo.

1. Día de los Muertos, Messico

In Messico il Día de los Muertos cade il 2 novembre. Questa festa di origine pre-ispanica è così significativa che ha acquisito lo status di Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Va di pari passo con la dea della morte Catrina, un personaggio creato dall’illustratore politico José Guadalupe Posada. Ovunque si possono trovare altari e offerte, e anche le tradizioni culinarie per questa festa sono interessanti e giocano un ruolo fondamentale: il pan de muertos (pane dei morti) e i calaveras dulces (teschi dolci) sono preparati in onore dei defunti.

2. Boon Para Wate, Thailandia

In Thailandia, il Giorno dei Morti è conosciuto come Boon Para Wate e ha luogo tra maggio e luglio. Le celebrazioni durano tre giorni: il primo giorno è caratterizzato da una sfilata con musica durante la quale i più giovani si fanno scherzi e dispetti, il secondo giorno vengono spente le fiaccole come segno della fine della processione, mentre il terzo giorno i monaci, recitano l’ultima reincarnazione del Buddha.

3. Qingming, Cina

Qingming, o il Giorno della Pulizia delle Tombe, è la festività cinese che onora i defunti. Ha luogo dal 4 al 6 aprile, ma può durare più a lungo. Durante questo periodo, le tombe vengono pulite e sulle tavole viene servito solo cibo freddo perché è vietato accendere fuochi. Qingming è anche la festa della luce e della rinascita che dà il benvenuto alla primavera.

4. Halloween, Stati Uniti d’America

Halloween non ha bisogno di presentazioni: si tratta di una festa pagana di origine celtica e romana in cui si facevano sacrifici agli dei, è stata adottata in Canada, Irlanda e Regno Unito, ma nel corso dei decenni ha superato i confini arrivando un po’ in tutti i Paesi occidentali. Ad “All Hallows Eve” gli americani si vestono in costume e i bambini bussano di casa in casa per raccogliere caramelle e dolciumi. Zucche, ragnatele e pipistrelli sono le decorazioni più frequenti per festeggiare il 31 ottobre.

5. Mahalaya Amavasya, India

La Mahalaya Amavasya è l’equivalente indù del Giorno dei Morti. Nel tentativo di evocare gli spiriti, si tengono cerimonie e la dea Durga viene pregata per onorare i defunti e scacciare i demoni. La data della festa cambia ogni anno, poiché cade sempre sulla luna nuova di settembre.

6. Día dos Finados, Brasile

Il Día dos Finados, o Giorno del Finito, cade il 2 novembre, quando i brasiliani visitano le tombe dei loro cari e fanno offerte sotto forma di fiori e candele. Si tratta di una celebrazione molto simile a quella spagnola poiché è il frutto dell’eredità portoghese che il Brasile conserva ancora oggi. A differenza delle altre festività brasiliane, decisamente sfrenate, il Día dos Finados è un giorno di raccoglimento perché le famiglie trascorrono del tempo insieme per ricordare coloro che non ci sono più.

7. Obano, Giappone

I giapponesi festeggiano il Giorno dei Morti ad agosto, il giorno dell’Obon o lanterna. Portano come offerta delle lampade, che vengono lasciate nel fiume in modo che con la loro luce guidino gli spiriti.

8. Samhain, Irlanda

In Irlanda, il 31 ottobre è il giorno del Samhain, una festa di origine pagana per celebrare la fine dei raccolti. Più tardi divenne nota come la notte dei morti e gli immigrati irlandesi negli Stati Uniti portarono con sé questa festa. Durante questa notte, le persone accendevano un falò e indossavano maschere per confondere e scacciare gli spiriti maligni; per questo i costumi sono parte integrante della celebrazione americana.

9. Pchum Ben, Cambogia

L’equivalente cambogiano di Halloween si chiama Pchum Ben, una festa di quindici giorni che si svolge in settembre o ottobre secondo il calendario Khmer. Essa commemora l’apertura delle porte dell’inferno che lasciano liberi gli spiriti di vagare tra i viventi, che a loro volta lasciano del cibo fuori dalle proprie case per calmarli.

10. Barriletes Gigantes, Guatemala

Anche in Guatemala si festeggia Ognissanti e lo si fa con la festa degli Aquiloni Giganti durante i primi due giorni di novembre. Nata a Santiago Sacatepéquez, la festa consiste nel lanciare coloratissimi aquiloni in aria su una collina vicino ai cimiteri. Come se fosse una gara, gruppi di amici lavorano per settimane per preparare i loro aquiloni, impegnandosi a fondo in ogni progetto.

condividi su:

About Gaetano Boncuore

Gaetano Boncuore
Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.