I chiodini prima dei pixel e nuovi decori

condividi su:
5
(10)

Dragochiodini 320x320 - I chiodini prima dei pixel e nuovi decoriIo bambina anni 70, impazzivo per i chiodini.  Era uno dei giochi che mi piacevano di più. Li rubavo sempre a mio fratello. Li adoravo come adoravo le costruzioni della Lego.

Pubblicità

Secondo me i chiodini e le costruzioni  stavano agli anni 70 come il Tetris agli anni 90 e il Fortnite al 2020.

Nella loro prima reclame della Quercetti figuravano dei bambini in camice bianco un po’ “saputi” e con gli occhiali, “I Maestri”. Il messaggio era che  il gioco era una pratica  seria, didattica, formativa, mentre oggi anche se la crescita  deve avere altrettanto un supporto ludico, ma non si riesce a finalizzarlo passando dai giochi del bambino.

Alessandro Quercetti

I chiodini  nascono da un’idea di Alessandro Quercetti classe 1920, pilota da caccia nella seconda guerra e collezionista di aeromodelli a elastico. Costui rafforzò l’azienda paterna esportando nel 1953 dalla Francia l’idea che i fiammiferi di legno con la capocchia in ceralacca colorata, ritenendo che  potessero diventare un gioco creativo. Infatti  Se conficcati in un foglio di cartone traforato, a formare disegni e sagome fantastiche, i chiodini rimangono quasi l’archetipo pionieristico di gioco educativo.

Nel 2015 la Quercetti ha prodotto un miliardo di pezzi (pezzetti, funghetti, chiodini…) in un anno.

I chiodini Quercetti hanno avuto una vita parallela simile  al mattoncino Lego.

Variando le dimensioni (diametri tra i 5 e i 20 millimetri) e le tavolozze, i chiodini superano i momenti più difficili, fino a sovrastare con leggerezza il mare magnum del digitale e a rinascere a nuova vita nell’epoca in cui si cercano rimedi manuali, tattili all’eccesso di virtualità che invade anche il mondo infantile.

Lo studio dei neuroscienziati

PIxel - I chiodini prima dei pixel e nuovi decoriUna ricerca di neuroscienziati dell’Università di Stoccolma, dimostra che il chiodino oltre a essere un gioco di destrezza manuale per il bambino, stimola le aree del cervello che interessano il linguaggio: dunque se questo è vero, più si gioca con il chiodino, più si sviluppa la competenza verbale. Forse per questo è stato inventato il «pixel» per adulti, ovvero un chiodino più piccolo, grazie al quale anche un novantenne è chiamato a comporre mosaici che da lontano hanno l’aspetto di immagini fotografiche, ritratti, paesaggi, riproduzioni di opere d’arte.

I Disegni con i Chiodini

Mosaici - I chiodini prima dei pixel e nuovi decoriA mio avviso a ulteriore stimolo per tutti gli artisti, andrebbero riproposti non i chiodini di plastica ma proprio le vecchie versioni ceralacca esportate dalla Francia da Cerquetti, questo per i bambini.

In più con capocchia di pietra colorata  o legno colorato e veri chiodi sarebbero materiale interessante per i laterizzi. Tale materiale  permetterebbe a artigiani e a esperti del parquet , tante tecniche di decoro e tanti nuovi mosaici.

Ti è piaciuto questo articolo?

Dagli un voto!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 10

Se hai trovato questo articolo utile...

Condividi sui social!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Faremo il possibile per migliorare!

Franca Maria Pace

Franca Maria Pace

Ho una vita complicata, tra informatica, arte e campagna.... ho come si dice tanti interessi.

commenta questo articolo....

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: