Menu Chiudi

Il farmaco che sostituisce l’alcool…..

Immagine

Il farmaco che sostituisce l'alcool.....

Ubriacarsi senza però incorrere nei devastanti effetti dell’alcool? Sembrerebbe impossibile, eppure alcuni scienziati dell’Imperial College di Londra, guidati da David Nutt, giurerebbero di aver trovato la soluzione.Il team di ricercatori, infatti, avrebbe creato un farmaco in grado di colpire direttamente i neurotrasmettitori del cervello, inebriando chi ne fa uso e offrendo all’individuo la sensazione di disinibizione e spensieratezza tipica dell’ebbrezza. Gli effetti sarebbero, secondo quanto spiegano gli esperti, totalmente indistinguibili da quelli dell’alcool normale, tranne per un fattore importantissimo: non vi sarebbero assolutamente controindicazioni e conseguenze nocive per l’organismo, quelle che, ogni anno, conducono alla morte circa un milione e mezzo di individui.David Nutt, che tra l’altro è un ex consulente del governo per i medicinali, ha spiegato di aver deciso di realizzare questo farmaco -e il relativo antidoto, in grado di neutralizzarne gli effetti- a seguito dell’invenzione della sigaretta elettronica: anche lui vorrebbe, attraverso il proprio medicinale, aiutare i viziosi a uscire dal tunnel della dipendenza, diminuendo, altresì, i rischi sulla salute che il consumo d’alcool provoca.Una rivoluzione in tutto e per tutto, dunque, ma che si scontra con una annosa questione: nessuno, nel settore delle bevande, si è detto disposto a finanziare il progetto. E la cosa, sfortunatamente, non sorprende affatto.

viaIl farmaco che sostituisce l’alcool…...

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici e rimanere aggiornato sui nuovi articoli pubblicati.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici e rimanere aggiornato sui nuovi articoli pubblicati.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

commenta qui...