Intervista ad Antonio Acciarino

condividi su:
0
(0)

Oggi abbiamo rivolto le nostre domande ad Antonio Acciarino  atleta della Nazionale Paralimpica categoria F42 GETTO DEL PESO.

 

Descrivi Antonio con tre aggettivi.

ANTONIO E’ TESTARDO, TENACE, SOCIEVOLE.

Dove e come è nata la passione per L’Atletica Leggera?

LA PASSIONE PER L’ATLETICA MI APPARTIENE DA SEMPRE COME AMORE PER LO SPORT FINE A SE STESSO. HO PRATICATO TANTI SPORT PRIMA DELLA DISABILITA’, TRA CUI L’ATLETICA A LIVELLO AMATORIALE, MA PER CASO, UN GIORNO IN UN CAMPO SPORTIVO VIDI NADIA CON DEGLI ATLETI CHE FACEVANO GETTO DEL PESO, COSI’ E’ SCATTATA LA SCINTILLA PER QUESTA SPECIALITA’.

Sei stato convocato dalla Nazionale Italiana per l’Europeo di Swansea raccontaci la tua emozione.

L’EMOZIONE DI ESSERE CONVOCATO AD UN EUROPEO CON LA MAGLIA AZZURRA? UNA RIVINCITA’ SULLA VITA. IL DESIDERIO DI INDOSSARE LA MAGLIA DELLA NAZIONALE ERA FORTE GIA’ DA RAGAZZO IN ALTRI AMBITI SPORTIVI, E QUI MI E’ STATO CONCESSO CORONARE UN SOGNO.

Quali sono i tuoi progetti sportivamente parlando?

CREDO CHE I MIEI PROGETTI SPORTIVI SIANO QUELLI DI OGNI ATLETA CHE SI SACRIFICA PER FARE SPORT.  LE OLIMPIADI, O IN QUESTO CASO LE PARALIMPIADI.

La tua squadra “Atletic Terni” vanta la collaborazione di Nadia Checchini (Tecnico Federale) quanto è importante la sua presenza?

NADIA E’ INESAURIBILE. LA SUA PASSIONE PER QUESTO SPORT LA TRASMETTE TUTTA. SI DEDICA FINO IN FONDO E CI METTE TUTTA SE STESSA. CREDO CHE SENZA LEI, I LANCI PER LE PERSONE DISABILI, NON AVREBBERO POSSIBILITA’ DI ESSERCI.

Quanto è importante la tua famiglia durante i momenti sportivi più difficili?

MIA MOGLIE E LA MIA BIMBA, A PARTE LE GARE FUORI ITALIA SONO SEMPRE CON ME A FARE IL TIFO, IN PIU’ SONO SPESSO SPRONATO A CONCENTRARMI PER I MIEI ALLENAMENTI DALLA MIA SIGNORA.

Raccontaci una tua giornata tipo.

LE MIE GIORNATE SONO MOLTO VARIE E MOLTO PIENE.AD ESEMPIO QUESTO PERIODO MI ALZO ALLE 6, VADO AD ALLENARMI COSI’ PER LE ORE 10 SONO A CASA PER PASSARE UN ORETTA CON LA MIA BIMBA DI 20 MESI E MIA MOGLIE. ALLE 11 CIRCA ESCO PER CURARE GLI INTERESSI DEL MIO RISTORANTE PER RIENTRARE POI ALLE 13. IN POMERIGIO ESCO PER LE 16:30 PER ANDARE AL MIO RISTORANTE PER RIENTRARE POI NELLA NOTTATA A SECONDA DEL LAVORO CHE C’E’. PIU’ O MENO E’ TUTTI I GIORNI SIMILE, A PARTE VARIAZIONI DI ORARI, ESIGENZE DELLA FAMIGLIA ED IL LUNEDI CHE E’ IL MIO UNICO GIORNO DI RIPOSO…QUANDO RIESCO.

Hai un motto?

CHI LA DURA…LA VINCE!!!

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Dagli un voto!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto. Lascialo tu per primo!

Se hai trovato questo articolo utile...

Condividi sui social!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Faremo il possibile per migliorare!

Facci sapere qui sotto cosa non va in questo articolo:

Gaetano Boncuore

Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network

commenta questo articolo....