La ”liofilizzazione” degli animali da compagnia – un metodo per non separarsene mai

condividi su:
0
(0)

Gli animali prima o poi muoiono e, se le cose vanno devono andare, questo evento capita sovente mentre i padroni sono ancora in vita. C’è chi si affeziona talmente tanto al proprio cane o gatto da non riuscire ad accettare il fatto che non ci sia più. Qualcuno arriva persino a farselo imbalsamare (il cosiddetto processo di ”tassidermia”), ma trovare un imbalsamatore che accetti di lavorare il corpo di un animale da compagnia è davvero un’impresa rara. Finchè si tratta di preservare la testa di un cervo o di un qualsiasi animale che non sia stato legato affettivamente all’uomo non ci sono problemi, ma nel caso di cani o gatti qualsiasi imperfezione nel risultato finale sarebbe suscettibile di critiche e problematiche varie con i padroni di tali creature.

Da un po’ di tempo, però, esiste una tecnica sopraffina di conservazione dei corpi denominata ”liofilizzazione”. Normalmente questa parola è associata al settore del cibo e consiste, semplicemente, nel togliere la componente acquosa disidratando completamente gli alimenti da conservare.

Nel caso degli animali il processo è più o meno lo stesso ma giocando opportunamente con le temperature e con le pressioni si possono ottenere risultati strabilianti. Il segreto consiste nell’essiccare i corpi a bassa temperatura alternando delle fasi nelle quali l’acqua (ad una certa pressione) passi direttamente dallo stato solido a quello gassoso, ovvero si inneschi il cosiddetto processo di ”sublimazione”. Queste attenzioni fanno in modo che la struttura cellulare del corpo non cambi forma, pur essiccandosi completamente.

Il risultato finale è sorprendente, come potete vedere dalla immagini qui sotto. Il processo è molto lungo e le aziende che si occupano di questo settore sono poche. Negli Stati Uniti, dove questa pratica è consolidata, il corpo dell’animale viene restituito anche dopo 1 anno ed i costi variano dagli 850 ai 2.500 dollari.

liofilizzazione dei corpi

liofilizzazione dei corpi

 

– See more at: http://www.boorp.com/notizie_articoli_news_post/articolo_La_”liofilizzazione”_degli_animali_da_compagnia___un_metodo_per_non_separarsene_mai.php#sthash.FqLZGvGK.dpuf

Ti è piaciuto questo articolo?

Dagli un voto!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Ancora nessun voto. Lascialo tu per primo!

Se hai trovato questo articolo utile...

Condividi sui social!

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile per te!

Faremo il possibile per migliorare!

Facci sapere qui sotto cosa non va in questo articolo:

Gaetano Boncuore

Sono un siciliano appassionato da anni di programmazione web, grafica e pubblicità. Creo e gestisco siti web principalmente su WP, ma anche altre piattaforme, grafiche e video pubblicitari, curando L'immagine del sito sui social. Ricerco strategie di marketing e soluzioni personalizzate per i miei clienti. Di recente mi occupo di SEO e visibilità delle aziende sui principali social network

commenta questo articolo....