Menu Chiudi

“Non ho compilato la dichiarazione dei redditi perché è morto il mio pesce rosso”

Immagine

 

Un imprenditore inglese ha giustificato il ritardo nella presentazione della dichiarazione dei redditi  spiegando che era troppo depresso perché era da poco morto il suo pesce rosso. Si tratta di una delle giustificazioni più strane che l’ente inglese che si occupa delle entrate fiscali (HM Revenue and Customs) ha ricevuto.

La direttrice dell’ente, Ruth Owen, spiega che “ci possono essere sempre eventi che fanno si che un contribuente non possa presentare la dichiarazione dei redditi in tempo, ma la morte del pesce rosso non è uno di questi”.

Questa la top ten delle giustificazioni più strane:

  1. Il mio pesce rosso è morto (un imprenditore edile)
  2. Ho litigato con una mucca (un agricoltore)
  3. Dopo avere visto la notizia di un’eruzione vulcanica, non riuscivo a concentrarmi su nient’altro (una donna di Londra)
  4. Mia moglie non mi dà la mia posta (un imprenditore)
  5. Mio marito mi aveva detto che la scadenza era il 31 marzo, e io gli ho creduto (una parrucchiera — la scadenza vera è il 31 gennaio)
  6. Sono stato troppo impegnato con il tour del mio spettacolo (uno scrittore di Coventry)
  7. Il mio mal di schiena mi impedisce di andare al piano di sopra, e la mia dichiarazione dei redditi è lì (un tassista)
  8. Sono stato tutto il tempo in crociera in barca, e leggevo la posta solo quando ero a terra (un uomo del sud-est dell’Inghilterra)
  9. La nostra azienda non fa sostanzialmente niente (un’impresa di servizi finanziari del Kent)
  10. Sono stato troppo impegnato ad inviare le dichiarazioni dei redditi dei miei clienti (un commercialista)

fonte: http://notizie.delmondo.info

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici e rimanere aggiornato sui nuovi articoli pubblicati.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici e rimanere aggiornato sui nuovi articoli pubblicati.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

commenta qui...